BARBAGIANNI

NOME SCIENTIFICO: Tyto alba ernestii

NOME COMUNE: Barbagianni

FAMIGLIA: Titonidi

ORDINE: Strigiformi

AREALE DI DISTRIBUZIONE:                                                                                                                                               Nidificazione diffusa ovunque

DESCRIZIONE:                                                                                                                                                                                        E’ un rapace notturno di medio grandi dimensioni, è caratterizzata da dimensioni leggermente superiori rispetto alla forma continentale. La testa presenta il disco facciale cuoriforme, bianco, munito di piccolo becco adunco giallastro. Occhi frontali, piccoli e neri, con contorno palpebrale allungato “a mandorla”. Ali molto lunghe e arrotondate, con fitte barrature grigio chiaro sfumate e lato inferiore bianco. Coda corta, squadrata, con le stesse barrature grigio chiaro e sfumate delle ali. Le zampe hanno tarsi abbastanza lunghi e piedi giallastri, coperti da piume bianche, comprese le dita, che sono munite di grossi artigli. Gli individui dei due sessi e i giovani sono indistinguibili, anche se sembrerebbe che i piccoli siano talvolta leggermente più scuri degli adulti. Il piumaggio è soffice e molto pallido con remiganti biancastre, alcune parti sono completamente bianchi. È evidente soprattutto di notte, se l’esemplare viene illuminato. Hanno un’ apertura alare sui 91-100 cm e una lunghezza sui 32-39 cm. 

HABITAT:                                                                                                                                                                                                     Il barbagianni predilige case di campagne, ruderi e vecchi edifici di centri abitati grandi e piccoli. Nidifica in zone pianeggianti e collinari, raramente sopra i 1.000 m d’altitudine. 

RIPROZUDIONE:                                                                                                                                                 L’accoppiamento avviene nei messi di aprile e maggio, in casi particolari può avvenire anche in autunno. Depone 4-7 uova (ma può arrivare sino a 18) in cavità di alberi o di vecchi edifici, senza costruire il nido. In queste cavita non è raro sorprendere, di giorno, gli adulti e i piccoli.

ALIMENTAZIONE:                                                                                                                                                                                Si nutre di topi selvatici, scoiattoli e talpe. La loro dieta comprende anche anfibi, uccelli e insetti. Le prede vengono ingoiate intere e le parti non digeribili (unghie, ossa e peli) vengono poi espulse sotto forma di borre.

CUORIOSITA':                                                                                                                                                                                           Il barbagianni è dotato di un udito finissimo, talmente acuto da permettergli la cattura di un topolino anche in condizioni di buio completo. È in grado di valutare anche con precisione la direzione di provenienza e la distanza.

 PROTEZIONE:                                                                                                                                                                                          E’ una specie protetta (Legge Nazionale n.157/1992 art. 2, Legge Regionale n.23/1998)

 

 

 

 

 

CINGHIALE SARDO

NOME SCIENTIFICO: Sus scrofas meridionalis

NOME COMUNE: Chinghiale sardo

FAMIGLIA: Suidi

ORDINE: Artiodattili

AREALE DI DISTRIBUZIONE:                                                                                                                                                     E’ diffuso in tutta la Sardegna. Popola con abbondanza tutte le zone, anche se di anno in anno si registrano variazioni numeriche.          

DESCRIZIONE:                                                                                                                                                                                         Il cinghiale sardo presenta una forma tozza e robusta, la testa è grande di forma conica allungata anteriormente. Gli occhi e le orecchie sono piccoli. Il tronco grosso e allungato, la coda corta, sottile e termina con un ciuffo di setole nere. Le zampe non sono molto lunghe ma sono snelle, hanno quattro dita per arto e sono munite di grossi zoccoli. Il mantello è folto ed è ricoperto da grosse setole, il colore negli adulti è bruno-nerastro con leggere striature biancastre. I piccoli sono molto più chiari, con strie bruno-marrone. Dai 3-4 mesi la tonalità diventa rossiccia e dopo l’anno diventa nerastra. La dentatura è caratterizzata da canini inferiori e superiori sporgenti (le zanne) nei maschi possono raggiungere i 13 cm e nelle femmine solo i 3 cm. I maschi hanno dimensioni maggiori rispetto alle femmine. Il peso di un vecchio maschio può variare dai 70-80 kg. Il cinghiale sardo può vivere fino a 25 anni.

HABITAT:                                                                                                                                                                                          Popola tutta la Sardegna e vive in piccoli branchi, nei boschi e nella macchia mediterranea. Nei periodi in cui il loro numero cresce tendono a spostarsi nei campi coltivati e nei giardini delle periferie del paese in cerca di cibo.

 RIPRODUZIONE:                                                                                                                                                           L’accoppiamento avviene nei mesi invernali. I maschi adulti cominciano lotte furiose a colpi di zanne e morsi, per contendersi le femmine. Il vincitore arriva a dominare più femmine, con le quali si accoppia. La gravidanza dura dalle 16 alle 20 settimane. Al termine della gravidanza la femmina si sposta dal branco per trovare un posto sicuro dove partorire. Possono nascere sino a 8 piccoli che vengono allattati sino ai 3 mesi. I piccoli rimangono con la madre per un periodo variabile, molte volte anche dopo lo svezzamento. 

 ALIMENTAZIONE:                                                                                                                                                                              Si nutre di erbe, radici, frutti spontanei e coltivati, larve, vermi e insetti. Quando il cibo scarseggia raggiunge le discariche abusive e si nutre anche di carogne.

 CURIOSITA':                                                                                                                                                                                                 Il maiale è il risultato dell’addomesticamento del cinghiale. Al contrario di altre specie selvatiche, però i maiali e i cinghiali non si sono mai “separati” geneticamente. Perciò risultano ibridabili e possono generare prole fertile.

PROTEZIONE:                                                                                                                                                                                       Specie cacciabile ( Legge Nazionale n.157/1992 e Regionale n.23/1998)

 

GATTO SELVATICO

Nome scientifico: Felis lybica sarda

Nome comune: Gatto selvatico

Famiglia: Canidi

Ordine: Carnivori



AREALE DI DISTRIBUZIONE:      
Diffuso quasi ovunque anche se in forte rarefazione. 

DESCRIZIONE:
La forma è simile al gatto domestico, di dimensioni medie. Testa rotondeggiante con orecchie grandi e ovalari, provviste di peli apicali, muso corto e occhi grandi. Zampe robuste e munite di dita con unghie rettatili. Coda lunga e molto pelosa. La pelliccia è folta e di color grigio- fulvo e striata. La colorazione della coda è grigia con anelli neri alla fine. Le dimensioni del gatto selvatico sono sui 47-61 cm e la coda sui 26-34 cm. Vive fino ai 15 anni.  

HABITAT:
Il gatto selvatico vive sia in zone con fitti boschi alternati a roccia, che in aree con alternanza di macchia bassa folta o aperta. Sono visibile anche nella gariga, nei  rimboscamenti, nelle zone selvagge e nelle campagne destinate al pascolo. La tana è rudimentale, un riparo nelle rocce, tra i cespugli o nell’incavo degli alberi.  

RIPRODUZIONE:
L’accoppiamento avviene a febbraio-marzo, la femmina partorisce dopo le 8-9 settimane di gravidanza verso aprile- maggio. 

ALIMENTAZIONE:
Si nutre di topi selvatici, ratti e ghiri. Mangia conigli, lepri e neonati di cinghiale. Fra gli uccelli preda pernici, colombacci e tortore. 

CURIOSITÀ:
Il gatto selvatico sta perdendo la sua purezza genetica perché s’incrocia con quello domestico generando una prole vitale. Il contatto con le razze domestiche riduce la vitalità e la qualità genetica della specie pura, così sono molto pericolose le malattie che si possono trasmettere, che al riguardo non possono avere difese né naturali né veterinarie. 

PROTEZIONE:
E’ una specie particolarmente protetta (Legge Nazionale n.157/1992 e Regionale n.23/1998 e Legge Comunitario Allegato III convenzione di Berna. Allegato II convenzione di Washington. Allegato D. Direttiva Habitat.)

 

LEPRE SARDA

Nome scientifico: Lepus capensis meditteraneus

Nome comune: Lepre sarda

Famiglia: Leporidi

Ordine: Lagomorfi

 

AREALE DI DISTRIBUZIONE: 
Diffusa ovunque, tranne in piccole isole. 

DESCRIZIONE:
La testa è piuttosto piccola, un po’ allungata con occhi grandi dalla pupilla rotonda. Le orecchie lunghe e negli adulti sono orlate di nero. La dentatura presenta due incisivi superiori doppi. Il tronco è lungo, slanciato e termina con una coda breve, ma più lunga di quella del coniglio. Gli arti anteriori sono sottili e più corti di quelli posteriori, che invece sono più robusti e ben sviluppati. Le zampe anteriori hanno 5 dita, con unghie piatte, quelle posteriori ne hanno 4 con unghie robuste. Le femmine hanno 6 mammelle. Il colore del manto è grigio-fulvo in inverno, e fulvo-dorato in estate, con mescolanza di peli neri, mentre la zona ventrale tende al biancastro. La coda ha la parte superiore nera e la parte inferiore bianca. I giovani hanno le forme meno slanciate e la testa è più grande. Le dimensioni della lepre sarda sono di 38-55 cm. 

HABITAT:
Popola pascoli, terreni pianeggianti e colline con macchia mediterranea, ma si può trovare anche nei vigneti. Si acquatta tra i cespugli in piccoli avvallamenti, presenti in luogo asciutto e protetto, che viene modellato con le zampe. 

RIPRODUZIONE:
L’accoppiamento avviene verso dicembre e dura fino alla primavera, con una gravidanza di circa 40 giorni. La maggior parte delle nascite avviene in primavera, oppure in autunno. Partorisce soltanto uno o due piccoli. 

ALIMENTAZIONE:
Si nutre di erbe e foglie, nel periodo freddo bacche, funghi e frutti caduti dagli alberi. Nel periodo caldo mangia erba secca. 

CURIOSITÀ:
Le femmine di lepre sonocaratterizzate dal fenomeno chiamato “super-fetazione”, cioè che sono in grado di portare avanti due serie contemporanee di feti, poiché possono andare in estro ed essere fecondate alcuni giorni prima del parto.

Lo sai che… L’impronta di una lepre non è facile da individuare. La zampa non è provvista di cuscinetti callosi come quella di una volpe o di un gatto, ma è costituita dalle sole dita e dai peli rigidi che formano però uno strato molto elastico. La traccia quindi è individuabile solo se il terreno è sufficientemente morbido. 

PROTEZIONE:
Specie cacciabile (Legge Nazionale n.157/1992 e Regionale n.23/1998.  Protetta dalla Convenzione di Berna, 1979, Allegato III). La lepre è in declino numerico a causa degli incendi estivi, e soprattutto per la caccia eccessiva e il bracconaggio.

PASSERA SARDA

NOME SCIENTIFICO: Passer hispaniolensis hispaniolensis

NOME COMUNE: Passera Sarda

FAMIGLIA: Passeridi

ORDINE: Passeriformi

 

AREALE DI DISTRIBUZIONE:
Nidificazione diffusa ovunque, esclusi alcuni sistemi montuosi. 

DESCRIZIONE:
La passera sarda presenta forme piccole e tozze. La Testa è grossa con becco corto, conico e robusto nero o bruno con base giallastra; le sue ali sono lunghe e appuntite e la coda corta. Zampe lunghe e sottili e bruno pallido- rossastro. E’ molto simile alla passera d’Italia, da cui i maschi si differenziano soprattutto per l’ampiezza della pettorina nera, le femmine invece sono uguali e indistinguibili.

Nella passera sarda i maschi e le femmine si differenziano principalmente nella colorazione del piumaggio. La nuca e la parte posteriore del collo sono castano scuro e presentano una mascherina nera sull’occhio sino alla regione auricolare. I lati del collo e della testa sono bianchi. Mento e gola invece sono neri. La parte superiore è formata da dorso nerastro con sottili striature chiare e il groppone più nerastro e grigiastro scuro. Le ali sono bruno-nere, la coda brunastra ma più chiara delle ali, con leggere marginature grigiastre. Le parti inferiori sono grigio chiaro-biancastro, con petto nero verso il basso. La femmina invece nella parte superiore presenta un colore bruno chiaro opaco, con leggere macchioline biancastre.  La passera sarda ha un’ apertura alare di 24-26 cm e una lunghezza 15-16 cm. 

HABITAT:
Si trova dal livello del mare sino alle montagne poco oltre i 1.000 m d’altitudine. Frequenta abitazioni, ruderi, torri, parchi, giardini, qualsiasi struttura artificiale abitata e non, ma anche campagne aperte, aree semi boscose e alberate, rive di fiumi e torrenti. 

RIPRODUZIONE:
Il comportamento riproduttivo è simile a quello della passera d’Italia. Depone 5-6 uova in un nido approntato solitamente sotto cornicioni, tegole e in tutti i tipi di cavità, spesso su alberi o in buchi nei tronchi. Le covate possono essere due o tre. L’incubazione è compito della femmina, alimentata dal maschio, mentre entrami si prendono cura dei pulli per la nutrizione. 

ALIMENTAZIONE:
La passera sarda è onnivora, in primavera e in estate si ciba di insetti e larve, piccoli invertebrati, germogli, frutti coltivati e rifiuti; in autunno e in inverno si nutre di semi, rifiuti, frutti selvatici e coltivati. 

CURIOSITÀ:
La Passera Sarda ha un volo rapido e batte le ali con frequenza, talvolta con traiettoria ondulata, ma in genere diritta. Il legame di coppia della Passera Sarda probabilmente rimane per tutta la vita. 

PROTEZIONE:
E’ una specie cacciabile (Legge Regionale n.23/1998).

 

PERNICE SARDA

NOME SCIENTIFICO: Alectoris

NOME COMUNE: Pernice Sarda

FAMIGLIA: Fasianidi

ORDINE: Galliformi

 

AREALE DI DISTRIBUZIONE:
Specie presente e nidificante in tutta l’isola, comprese le isole minori.

DESCRIZIONE:
E’ un galliforme di taglia media. Le sue forme sono tozze e compatte. Becco corto, conico e con l’apice della mandibola superiore ricurvo verso il basso, ha un colore rosso-arancio. Ali corte e arrotondate. Coda corta, bruno-grigiastra, con timoniere esterne rossicce. Zampe robuste di colorazione rosso-arancio, munite di “speroni”. La colorazione del piumaggio di un adulto è grigio pallido nella testa, mento e gola, bruno-rossicci nella fronte, nuca e parte posteriore del collo, questa parte si congiunge a un largo collare dello stesso colore, picchiettato di bianco, ai lati e un altro, più sottile, alla base del collo. Petto castano-bruno, addome e sottocoda aranciati, fianchi con ampie e nette barre bianche, nere e castane trasversali. La femmina leggermente più piccola del maschio e senza speroni nelle zampe. L’apertura alare va dai  46-50 cm e presenta una lunghezza 32-34 cm. 

HABITAT:
Si trova prevalentemente nelle zone accidentate montane e collinari con scarsa vegetazione arborea. Non disdegna le pianure e le coltivazioni di vario tipo. Preferisce i terreni aridi e pietrosi, cespugliosi con macchia non troppo folta né alta, che si alterna a boschetti aperti, praterie e valli boscose con radure. La nidificazione si verifica dal livello del mare sino a 3.000 m. Il nido viene costruito da aprile a giugno. 

RIPRODUZIONE:
Durante il periodo riproduttivo i maschi emettono un tipico e monotono verso grattato, per segnalare il proprio territorio. All’interno del nido vengono deposte 10-14 uova (a volte sino a 18), con una sola covata annuale. I piccoli nascono dopo circa 20 giorni e lasciano subito il nido per seguire i genitori. Riescono a fare i primi voli dopo 7-10 giorni.

 ALIMENTAZIONE:
L’alimentazione è soprattutto a base vegetale, si nutre di semi, germogli, erbe e frutti. La specie si ciba anche di insetti, molluschi e ragni. 

CURIOSITÀ:
La Pernice Sarda è un’abile camminatrice, si arrampica bene anche sui terreni rocciosi. Può salire anche su grossi cespugli e anche alberi per riposarsi. La marcata tendenza alla fuga a piedi, se disturbata, è dimostrata dal fatto che se ha a disposizione dei punti riparati a breve distanza, non si invola.

PROTEZIONE:
E’ una specie cacciabile (Legge Nazionale n.157/1992 e Regionale n.23/1998. Direttiva CEE 79/409 Ap. Appendici 1,2/I. 3I, Convenzione di Berna Appen-dice 3).

POIANA

NOME SCIENTIFICO: Buteo Buteo Buteo

NOME COMUNE: Poiana

FAMIGLIA: Accipitridi

ORDINE: Accipitriformi

 

AREALE DI DISTRIBUZIONE:
Nidificazione diffusa ovunque, esclusa la zona intorno alla città di Cagliari.

DESCRIZIONE:
La Poiana sarda è caratterizzata da dimensioni inferiori e colorazione più scura rispetto alla specie continentale. È da considerarsi un rapace di media grandezza con ali grandi e larghe, collo breve e testa grossa e arrotondata. Becco robusto e adunco. Coda corta e larga. Zampe robuste con dita provviste di grossi artigli. La colorazione del piumaggio è variabile. Sono stati individuati, con grande percentuale, individui caratterizzati dalla parte superiore marrone scuro (in particolare il bordo posteriore dell’ala e quella della coda, compresa la testa) e la parte inferiore più chiara. L’iride varia da bruno scuro al giallo.
Il becco è grigiastro alla base e poi nero. Le zampe sono gialle e gli artigli neri. Gli individui dei due sessi non sono facilmente distinguibili, se non per il fatto che la femmina è leggermente più grande del maschio. Si riescono però a distinguere i giovani dagli adulti, soprattutto dalla coda. Negli adulti è presente una larga fascia scura e netta, mentre nei giovani questa manca completamente. Inoltre i giovani sono più chiari e spesso hanno le parti inferiori striate di marrone scuro, su fondo bianco. Hanno un’ apertura alare che varia dai 113-140 cm e una lunghezza tra i 51-57 cm.

HABITAT:
E’ un rapace piuttosto adattabile. Predilige ambienti con presenza di boschi non molto estesi, che si alternano a campi e pascoli, dal livello del mare alle zone di montagna. Popola sia le zone di campagna e sia le aree vicine ai centri abitati. È facile incontrarla lungo le coste marine, nelle aree agricole o a pascolo, nelle zone umide, negli ambienti di collina o macchia mediterranea e fino ai rilievi montuosi più selvaggi.

RIPRODUZIONE:
L’accoppiamento inizia già all’età di 2-3 anni. Il nido viene costruito da entrambi i sessi sia sull’albero sia su roccia. Generalmente l’accoppiamento avviene in febbraio-marzo, vengono deposte nei mesi di marzo-aprile, dai 2 a 3 uova, covate da entrambi i genitori. I pulcini hanno un periodo di accrescimento di 50-55 giorni e solitamente iniziano a volare intorno a giugno-luglio.

ALIMENTAZIONE:
Si ciba principalmente di roditori e di altri micro-mammiferi. Preda anche piccoli uccelli, rettili, anfibi, grossi insetti e lombrichi.

CURIOSITÀ:
La tecnica di caccia preferita da questo individuo è la cattura della preda a terra in agguato da posatoio, solitamente può essere una albero, un palo o un sostegno di una recinzione, appena il bersaglio è a distanza opportuna, si lancia eseguendo una rapida planata fino alla sua cattura. Altre tecniche sono quelle di sorvolo attivo, a bassa quota, sopra i campi o pascoli aperti.

Lo sai che… La Poiana è tra i pochi rapaci diurni che il più delle volte costruiscono un nuovo nido a ogni stagione riproduttiva. Nel caso di perdita della covata può effettuare una nuova deposizione sostitutiva.

PROTEZIONE:
Specie protetta (Legge Nazionale n.157/1992 e Regionale n.23/1998. Convenzione di Berna Appendice III. CITES Allegato A. Convenzione di Bonn Appendice II).

RICCIO

NOME SCIENTIFICO: Erinaceus europeus italicus

NOME COMUNE: RICCIO

FAMIGLIA: Erinaceidi

ORDINE: Insettivori

AREALE DI DISTRIBUZIONE:
Diffuso in tutta la Sardegna

DESCRIZIONE:
Il corpo del riccio è tozzo, quasi ovalare-rotondeggiante, la testa breve e muso terminante in un grugno appuntito. La parte superiore è ricoperta di aculei spinosi, usati come difesa personale. La coda è piccola, le zampe sono robuste e corte, con 5 dita munite di unghie molto grandi. La testa e la parte inferiore sono di colorazione giallo sporco, la parte dorsale è ricoperta di aculei di colore giallastro chiaro con una larga banda bruno-scura. Le dimensioni di un Riccio a differenza di quello europeo sono più ridotte 24-31 cm.

HABITAT:
Diffuso ovunque anche se preferisce le località della bassa e media collina fino al livello del mare. Abita pascoli, zone con vegetazione erbacea bassa, terreni aridi, siepi e limiti dei boschi. Spesso si avvicina nei centri abitati, più raramente nei centri urbani grossi e nelle foreste ad alto fusto. A differenza di altri insettivori, il riccio passa una parte dell’inverno in letargo. Scava tane nel terreno e la sistema tappezzandola di muschio e foglie.

RIPRODUZIONE:
L’accoppiamento avviene tra primavera-estate (fino a luglio) e la gestazione dura dalle 5-6 settimane. Il parto avviene tra maggio e agosto e il numero dei piccoli varia da 3 a 8.

ALIMENTAZIONE:
Si ciba di insetti ma anche di anfibi, uova di uccelli che nidificano nel terreno, lucertole, topi, lumache e lombrichi. Se necessario in autunno mangia anche funghi, bacche, radici e frutti selvatici.

CURIOSITÀ:
Il riccio possiede dei muscoli grossi e potenti, posizionati tra schiena e fianchi, che gli consentono di avvolgersi su se stesso e diventare una sfera spinosa. La sua unica difesa è rappresentata dagli aculei che lo rivestono. Questi però costituiscono un problema per quanto riguarda l’igiene personale, perché difficilmente può leccarsi come gli altri mammiferi per liberarsi dai parassiti. Per questo ha escogitato un curioso comportamento, è solito sputarsi addosso il prodotto della masticazione di sostanze particolarmente maleodoranti che trova nell’ambiente. La saliva così ottenuta ha funzione di repellente verso insetti e zecche.

PROTEZIONE:
Specie protetta (Legge Regionale n.23/1998; Allegato III Convenzione di Berna). Non è molto numerosa a causa delle continue perdite dovute dagli incendi e al traffico stradale.

VOLPE SARDA

NOME SCIENTIFICO: Vulpes Vulpes Ichnusae

NOME COMUNE: VOLPE SARDA

FAMIGLIA: Canidi

ORDINE: Carnivori

AREALE DI DISTRIBUZIONE:
Diffusa in tutta la Sardegna.

DESCRIZIONE:
Sottospecie sarda della volpe rossa europea, ha dimensioni più piccole. Le forme sono slanciate e medio grandi. Testa triangolare con muso allungato, le orecchie appuntite, grandi ed erette, gli occhi grandi. Zampe snelle con dita provviste di unghie non rettatili. La pelliccia è folta con una colorazione bruno-rossastra o fulvo-giallastra superiormente, con sfumature grigiastre (si notano du più in inverno) la zona inferiore è bianca, la coda è lunga e bruna con sfumature grigie. Le dimensioni della volpe sarda sono di 59-64 cm e la coda 28-34 cm. Vive dai 2-5 anni.
HABITAT:
Preferisce i terreni ricoperti in parte da macchia mediterranea, ma si ambienta anche nei territori più aridi. Ha abitudini crepuscolari e notturne, in inverno può essere individuata nelle ore diurne, ma in genere resta nel folto della vegetazione, oppure si rifugia in grotte. Vive in piccoli branchi, ma durante la caccia si sposta da sola.

RIPRODUZIONE:
L’accoppiamento avviene a gennaio- marzo e la gravidanza dura circa 2 mesi, ad aprile-maggio i piccoli, dai 3-8 fino ai 12, vengono partoriti in una tana ben nascosta e allevati da entrambi i genitori.

ALIMENTAZIONE:
Si nutre di vegetali (frutta, bacche, ecc…) e insetti. E’ anche carnivora, mangia volatili, agnelli, conigli o anche neonati di maggiori dimensioni, per esempio i puledrini quando ancora sono incapaci di difendersi. La sua dieta comprende anche roditori.

CURIOSITÀ:
La volpe è solita staccare la testa alla sua preda e portarla via, sotterrandola altrove, estrae le viscere per cibarsene e spesso, per portarle ai cuccioli in fase di svezzamento. Tra le sue prede c’è anche il riccio, quando l’insettivoro si raggomitola a formare una palla spinosa, proteggendosi dal predatore con i suoi aculei, la volpe ci orina sopra, a quel punto il riccio espone al morso il ventre, in quanto è privo di aculei. È in grado di catturare anche i pesci, tenendogli agguati ai bordi dei bacini e corsi d’acqua.

PROTEZIONE:
Specie cacciabile (Legge Nazionale n.157/1992 e Regionale n.23/1998)